It looks like you are coming from United States, but the current site you have selected to visit is Italy. Do you want to change sites?

Yes, please. No. Keep me on the current site.

Soccorso per l’Uragano a Puerto Rico

LE PROSPETTIVE DEI VOLONTARI DA PUERTO RICO

Il 20 settembre 2017 l’uragano Maria ha colpito Puerto Rico. Per l’isola si è tratto della più forte tempesta degli ultimi 85 anni. Venti a 155 mph hanno devastati l’isola caraibica dove vivono 3,4 milioni di persone. In poche ore si è avuta l’interruzione dell’energia elettrica, la terraferma è stata allagata e le case e il bestiame distrutti. Subito dopo l’uragano, volontari provenienti da diverse nazioni, hanno iniziato a lavorare con la popolazione locale per pulire le strade, riaprire le scuole, ripristinare le comodità di base e ricostruire le abitazioni. Questa è la storia di un team.

Rispondere a una chiamata

Una delle sfide principali che i portoricani hanno dovuto affrontare dopo la distruzione causata da Maria, era l'accesso all'acqua corrente e pulita. Senza l’erogazione sicura dell’acqua da bere, le famiglie erano costrette ad attingere da pozzi inquinanti con sostanze chimiche o da corsi d’acqua inquinanti da scarichi fognari e carcasse di animali morti. Nonostante Maria si era allontanato dall'isola, la vita della popolazione rimaneva a rischio.

Come risposta all’evento, l’organizzazione no-profit Planet Water Foundation si è unita all'esperto delle tecnologie dell’acqua Xylem per inviare un team di volontari a Puerto Rico. La missione del team era di costruire delle torri per l’acqua in alcune delle zone più colpite dell’isola - una tecnologia utile per garantire acqua corrente pulita alla popolazione locale.

 

Planet Water opera in alcune delle zone più difficili del pianeta per portare viveri e acqua pulite alle popolazioni bisognose. L’obiettivo dell’organizzazione è di evidenziare il tema della sicurezza dell’acqua e di promuovere il dibattito sulla gestione sostenibile di questa risorsa naturale attraverso l’uso di tecnologie e l’istruzione nelle comunità che devono affrontare la mancanza d'acqua a lungo termine.

Nel 2018 Planet Water ha completato il suo 1.000o progetto che ha segnato anche il traguardo di 1 milione di persone che hanno tratto vantaggio dal lavoro dell’organizzazione. Questo impegno è possibile solo grazie ai finanziamenti delle aziende private come Xylem che da anni è partner di Planet Water. La missione a Puerto Rico e altre iniziative simili permettono a Xylem e a Planet Water di avere un impatto positivo sulla vita di circa 300.000 persone alle quali è stata fornita acqua corrente pulita attraverso le torri per l’acqua.

Come sempre c’è ancora molto da fare per aiutare le popolazioni ad affrontare il problema della mancanza dell’acqua. Ogni contributo finanziario - piccolo o grande che sia - permette di salvare vite umane. Tutti possono contribuire attraverso una donazione qui.

Volare nell’ignoto

Arrivati a Puerto Rico i sei membri del team hanno scaricato rapidamente gli utensili per unirsi alla missione di cui sapevano molto poco. Alcuni avevano partecipato in passato come volontari a missioni in aree colpite da disastri. Ma la maggior parte era ignara. Siamo tutti rimasti colpiti dall’estensione del disastro.

Migliaia di edifici distrutti, case, ospedali e scuole. Ponti crollati. Ampie aree agricole adesso inondate. E un’allarmante scarsità d’acqua, cibo, gas ed elettricità.

Come ricorda Nate Warren, sales engineer di Xylem “un abitate locale ci ha spiegato che per far funzionare il suo generatore di casa due ore al giorno, gli costava 450 USD al mese. Per me è impressionante. È impressionante pensare che queste persone alle quali è stato tolto tutto, i loro raccolti sono stati decimati, adesso dovevano far fronte a 450 USD di costi addizionali per avere dell'energia elettrica per sole due ore al giorno.”

Resilienza di fronte ai problemi

Nonostante le condizioni, Nate e il suo team sono rimasti subito colpiti dalla resilienza della popolazione colpita quando sono arrivati a Puerto Rico. A dispetto dei 100 miliardi di dollari di danni stimati, le comunità erano determinate a ricostruire tutto.

“C’è qualcosa che mi ha colpito molto nelle scuole che abbiamo visitato. Nonostante non ci fosse acqua potabile corrente né elettricità, gli insegnanti continuavano a lavorare, cercando di creare per i bambini una vita apparentemente normale. Tutti i bambini che avevano ancora un’uniforme, la indossavano. Tutti si impegnavano al massimo per mantenere uno stile di vita quotidiana accettabile, anche se non avevano più nulla.”

“È stata senza dubbio un'esperienza unica vedere come lottavano insieme.”

Un’altra cosa notata dal team è stato lo spirito di collaborazione delle comunità mentre erano in attesa degli aiuti - chi era rimasto senza nulla comunque trovava il tempo per aiutare gli altri.

In una comunità montana, dove centinaia di persone erano rimaste intrappolate nelle loro case, Hunt Powell, senior application engineer, racconta quanto sia stato commuovente vedere un gruppo di ragazzi locali che cucinava gratuitamente ogni giorno per 400 persone, utilizzando una semplice attrezzatura da campo.

“Cucinavano riso, fagioli e carne per le persone. È stata senza dubbio un'esperienza unica vedere come lottavano insieme.”

“Quando pensi alle persone da aiutare, devi pensare a come il progetto potrà aiutarle in concreto. Deve basarsi su una piattaforma sostenibile.”

- Nick Hill, Executive Chairman, Planet Water Foundation

 

“Fino ad oggi abbiamo avuto tutti i tipi d’acqua eccetto quella pulita.”

- Benjamin Marrero, Barrio San Lorenzo, Morovis

Installiamo le torri

Nonostante dopo l’uragano i residenti avessero accesso all’acqua imbottigliata donata, ciò che era maggiormente necessaria era l’acqua corrente. Per alcuni la ricerca dell’acqua è stata disperata e hanno finito per bere da sorgenti inquinate.

Compito del team di volontari era di realizzare dodici torre per l’acqua, ognuna delle quali con una capacità di 10.000 litri di acqua da bere per sostenere ogni giorno fino a 1.000 persone.

Un’esperienza singolare e umiliante

“Stare la con popolazione locale è stata un’esperienza unica,” afferma Mainor Vega, Treatment Manager. “Spesso c’erano grandi feste con il prete che benediceva la torre e i bambini che chiedevano ‘agua’. Potevamo toccare con mano la disperata necessità di acqua pulita.”

Uno degli ultimi siti in cui ha lavorato il team si trovava in una zona isolata dell’isola dove le persone attendevano disperatamente il loro arrivo.

“C’era un centinaio di persone ad aspettarci in fila indiana con le bottiglie vuote e guardandoci mentre lavoravamo,” racconta Nate. “È stato l’opera di costruzione più veloce in assoluto. E nonostante queste persone non avevano nulla, ci hanno tanto più cibo di quanto ne potessimo mangiare.”

“Tutti noi diamo l’acqua per scontata. Vivendo negli Stati Uniti abbiamo una vita privilegiata. Ma quando vai in un posto dove non c’è molto e il resto è comunque distrutto, rimani colpito nel vedere la profonda gratitudine ed emozione nel ricevere un bene così essenziale per l’uomo.”

“Aver visto in prima persona la devastazione e la distruzione mi ha ricordato il valore di tutto ciò che abbiamo”.

Uno degli ultimi siti in cui ha lavorato il team si trovava in una zona isolata dell’isola dove le persone attendevano disperatamente il loro arrivo.

“C'erano comunità con ben 15.000 persone senza energia elettrica. E gli è stato detto che non avranno alcuna energia elettrica fino a almeno il prossimo anno. A causa di ciò molti hanno lasciato le loro case, le automobili e i cani. Sono saliti su un aereo per andare a Miami per essere con le loro famiglie. Hanno semplicemente abbandonato insieme Puerto Rico. “Aver visto in prima persona la devastazione e la distruzione mi ha ricordato il valore di tutto ciò che abbiamo”.

“Abbiamo visto scorrere il fiume e adesso ci siamo concessi il dono che madre natura ci dà gratuitamente e lo abbiamo reso sostenibile. Siete degli angeli.”

- Ixa, alunno della 12a classe

 

“Siamo rimasti colpiti dall’impegno e dell’entusiasmo dei volontari. Sarebbe stato difficile farcela senza di loro”.

- Nick Hill, Executive Chairman, Planet Water Foundation

Guardiamo al futuro

Sono passati due mesi e le comunità dove abbiamo installato i serbatoi a torre hanno riacquistato una certa indipendenza. Grazie alla disponibilità di acqua pulita e sicura, non hanno più bisogno di utilizzare l’acqua imbottigliata.

Mentre l’isola sta lentamente tornando alla normalità, alcuni portoricani stanno trovando conforto nel vedere che la catastrofe è stata in grado di riunire la comunità.

“In alcune aree del mondo le rivoluzioni sono iniziate con le armi. Qui invece la rivoluzione è iniziata con l’uragano.”

I residenti sottolineano che l’uragano sta portando alcuni risultati positivi che avranno effetto a lungo termine. Infatti è riuscito a evidenziare le sfide pre-esistenti e a unire le comunità.

“C’erano dei problemi prima dell’uragano,” spiega Richard Barg, Market Development Manager in Canada. “Molta acqua non andava bene. La catastrofe ha ribadito alcuni di questi problemi e le adesso tutti cercano di migliorare la situazione. Un abitante locale mi ha detto: “In alcune aree del mondo le rivoluzioni sono iniziate con le armi. Qui invece la rivoluzione è iniziata con l’uragano.”

“La sensazione di sfiducia tra la popolazione è stata sostituita dalla determinazione di prendere il controllo della situazione.”

- Nick Hill, Executive Chairman, Planet Water Foundation

Informazioni sui nostri volontari

“Aver visto in prima persona la devastazione e la distruzione mi ha ricordato il valore di tutto ciò
“Aver visto in prima persona la devastazione e la distruzione mi ha ricordato il valore di tutto ciò

Mainor Vega è Sales Manager della divisione trattamento di Xylem a Palm Beach County in Florida. Aveva visitato Porto Rico in passato e non vedeva l’ora di fornire il suo supporto concreto.

“A Puerto Rico c’era il caso. Partecipare alla missione era la cosa giusta da fare.”
“A Puerto Rico c’era il caso. Partecipare alla missione era la cosa giusta da fare.”

Hunter Powell è senior application engineer di Xylem. Sentire i bambini di Puerto Rico chiedere “agua” gli ricorda l’importanza dell’intervento del team nel portare acqua pulita.

“La popolazione di Puerto Rico è resiliente. Sopravviverà.”
“La popolazione di Puerto Rico è resiliente. Sopravviverà.”

Nate Warren è Market manager e Sales Engineer della sede Xylem di Los Angeles. Cosa lo ha colpito maggiormente fin dal primo giorno è stato l’affiatamento della popolazione. Sapeva che doveva aiutare.

“Per me è naturale aiutare gli altri.”
“Per me è naturale aiutare gli altri.”

Richard Barg è Market Development Manager che lavora nella sede Xylem a Toronto. É rimasto colpito dalla passione e dalla determinazione della popolazione locale dedicata all’opera di ricostruzione.

“Ci chiamano angeli perché gli forniamo per la prima volta acqua pulita e sicura.”
“Ci chiamano angeli perché gli forniamo per la prima volta acqua pulita e sicura.”

Tim Main è Marketing Manager di Xylem a Vancouver. La sua esperienza a Puerto Rico è stata importantissima. Spera che l’esperienza fatta con l’uragano Maria possa incoraggiare a costruire.

“L’apprezzamento delle comunità è stato sorprendente”.
“L’apprezzamento delle comunità è stato sorprendente”.

Blake Buster è un meccanico industriale della sede Xylem di Dallas. Ha capito che anche lui poteva alleviare le sofferenze dei residenti esposti al rischio dell’acqua contaminata, partecipando...