It looks like you are coming from United States, but the current site you have selected to visit is Italy. Do you want to change sites?

Yes, please. No. Keep me on the current site.

Acquacoltura

Acquacoltura - Enormi opportunità dall’incremento della domanda

L’industria dell’itticoltura è cresciuta e si sta evolvendo rapidamente. Oggi l’itticoltura rappresenta oggi il 50% del pescato consumato a livello mondiale. Si stima che la dipendenza dell’itticoltura continuerà a crescere in modo ancora più esponenziale rispetto quella legata alla produzione della carne. La crescente dipendenza dell’itticoltura presenta tantissime opportunità ma comporta anche molti rischi per i produttori.

Le forti pressioni sull’incremento della resa del pescato fa crescere anche le preoccupazioni sull’impatto ambientale dei sistemi di itticoltura in bacini aperti e sulle specie selvatiche a causa delle patologie e dell’aumento dell’inquinamento delle acque. Al contempo i pesci e i crostacei allevati in sistemi in mare o lago aperto sono più vulnerabili alle patologie presenti nell’habitat naturale e devono contare sulle correnti dei fiumi e di mari per trasportar via i prodotti di scarto e mantenere condizioni adeguate. Nei sistemi in mare o lago aperto è difficile implementare misure efficienti di biosicurezza che sono necessarie per proteggere le specie autoctone e garantire un ambiente sano per i pesci allevati. Questi fattori hanno fatto lievitare la domanda dei sistemi chiusi con allevamenti di pesci e crostacei separati dalle controparti che vivono liberamente in natura.

I sistemi a ciclo chiuso, i sistemi in vasca quali i sistemi di acquacoltura a ricorcolo (RAS) o i sistemi di flusso permettono la separazione dalle specie autoctone e contribuiscono all’aumento della produzione degli impianti di itticoltura. Questi sistemi chiusi permettono di creare condizioni ottimale per la salute dei pesci, migliorando la produttività e la qualità dell’impianto. RAS utilizza una quantità d’acqua inferiore.

Tuttavia, l’aumento di produzione moltiplica i rischi. L’equazione è semplice - la quantità scadente dell’acqua e le condizioni di sovraffollamento delle vasche portano stress e malattie. È importante controllare l’acqua per sostenere il benessere dei pesci. Ma il controllo dei sistemi RAS o di flusso è stato sempre molto complesso e difficile da gestire e mantenere. Quando il sistema non è più in equilibrio c’è il rischio un’epidemia che può decimare l’intera popolazione delle vasche. È quindi importante avere a disposizione tutte le informazioni necessarie per ripristinare rapidamente e condizioni ottimali.